martedì 17 ottobre 2017

(Il Parlamento in crisi, elezioni alle porte?...) E lo chiamavano Sergio Pennichella..!!

Disperazione a Roma: avviata nottetempo  la raccolta di firme per il Napolitano  'tris', Comitato 'Rivolemo Napolitano , Via Sergio Mozzarella !'....

GOVERNO IN VITA CON LE TRASFUSIONI DI SANGUE PIDUISTA IN UNA FINTA SINISTRA. TRASFORMISMO ? NO COMMEDIA ALL'ITALIANA

Legge elettorale, Mdp a Mattarella: “La maggioranza non c’è più”. Ma per Ala missione compiuta: “E’ la nostra riforma” Verdini il condannato vuole salvare Renzi il trombato dagli italiani (4 novembre)

Legge elettorale, Mdp a Mattarella: “La maggioranza non c’è più”. Ma per Ala missione compiuta: “E’ la nostra riforma”
POLITICA
La capogruppo bersaniana: "Andiamo al Quirinale, come fa il governo a far passare Rosatellum e manovra senza di noi?". In contemporanea il capogruppo verdiniano al Senato Barani: "Certo che la voteremo". Insomma: la sostituzione in maggioranza è quasi definitiva
Allarme: manca la maggioranza. No, tranquilli: una maggioranza si trova sempre. Ha provato ad agitarsi Maria Cecilia Guerra, la capogruppo di Articolo 1 al Senato: ha chiesto un incontro al Quirinale con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Dal 3 ottobre Mdp non è più al governo, ma quello che sembrava una specie di appoggio esterno è finito dopo due settimane, il tempo che ha impiegato il Rosatellum per essere approvato alla Camera. Così da giovedì Mdp non è più neanche in maggioranza. Ci sono rimasti solo il PdAp e i cespuglietti centristi. E allora come fa il governo, si chiede la Guerra, a fare una legge di bilancio e una legge elettorale senza una maggioranza? Domanda puntuale, sotto il profilo della forma. Un tempo al Colle i presidenti del Consiglio salivano anche solo per comunicare l’ingresso di un gruppuscolo in più. Finora invece i governi delle intese medie e soprattutto quello di Renzi ha sempre avuto il cuscinetto di un cuscino d’urgenza alla propria destra. In una parola, Verdini. Se un tempo i voti erano aggiuntivi (come ai tempi delle unioni civili e di qualche legge di bilancio) questa volta sarebbero definitivamente sostitutivi, aiutati dall’aritmetica: fuori i 16 voti di Mdp, dentro i 14 di Ala

Roma, il Bomba peggio di uno iellatore...Renzi, parte il treno ‘Destinazione Italia’. Disinteresse e scongiuri dei pendolari: “Ancora lui? Speriamo di no...'


E' di moda uccidere i Bloggers : da Putin, a Erdogan a Malta...Sapete perchè? Perchè un Blogger non si può ricattare nè economicamente, nè politicamente, Internet si ingabbia male...e la libertà di pensiero e di azione ci guadagna, rivelando le miserie del potere. Forza Bloggers !!


Il Comune restaura il marciapiede all'inizio di Via della Madonnina: un pullman vi salì sopra in primavera danneggiandolo.


Governo sbatte la porta in faccia ai sindacati , pensione a 67 anni, non si cambia. Qualcuno si illude ancora che il PD sia un partito che ascolta chi lavora?


Consiglio Comunale: attenzione sulla Geotermia ! Esclusione di aree ( da bucare) può significare anche le aree da includere!!!


domenica 15 ottobre 2017

Scusateci o lupi se talvolta vi paragoniamo agli uomini...Homo homini lupus (Tacito) Trad. L'uomo è lupo verso il suo simile..


Opera Pienza: Un arrivederci


COME ERAVAMO....


Julia Muzychenko Soprano G. Verdi La Traviata (E’ stano! E’ strano!) ha vinto l'Ottava Edizione del Concorso Lirico 'Benvenuto Franci' di Opera Pienza

Nella foto la vincitrice in abito rosso, in primo piano il direttore artistico Monica Faralli e di spalle Adua  Veroni Pavarotti e il tenore Panerai della Giuria.  Si è conclusa con grandi applausi e un folto pubblico entusiasta delle grandi qualità  dei giovani artisti. A Pienza un grande esempio profondamente educativo della 'meglio gioventù' impegnata in un'arte nobile e antica, capace di grandi sacrifici e di risultati entusiasmanti. Tutti gli 80 partecipanti hanno a loro modo vinto, Pienza li ringrazia per la loro prova di serietà, per il loro omaggio alla Città Unesco e per alcuni giorni di spettacolo e di gioia collettiva donata agli appassionati di musica e di lirica. Un arrivederci alla prossima edizione, certi che investire in 'cultura'  ripaga sempre tutta la nostra comunità, sia dal punto di vista economico che, soprattutto, dal punto di vista etico, e della crescita umana e culturale dei nostri ragazzi.

Berlusconi ha parlato a Napoli: vuole fare il governo dei 'galeotti', tirare fuori di galera corrotti e corruttori, punire i magistrati, con i nuovi nemici 'comunisti' ..cioè Grillo e Davigo, il magistrato che non scherza, di cui i corrotti hanno paura che. secondo lui, sta dietro al Mov. 5 Stelle ( magari!!


sabato 14 ottobre 2017

OPERA PIENZA. Pippo Baudo ospite a Pienza alla serata finale del Concorso


SALVINI: fine di un 'mito' : con 'Roma Ladrona' appassionatamente, da leghista a 'golpista' con i democristiani ed ex comunisti. Quando la Lega viene processata e condannata non resta che entrare nel 'Salotto Buono'

QUANDO SI DICE IL DESTINO!!!!!!!!!!!!!!

PIENZA: ieri la Festa della Chiesa pientina, la Fondazione del Monastero di Sant'Anna in Camprena e i 100 anni delle apparizioni di Fatima. Processione da Santa Caterina al Duomo. Piazza illuminata a festa.


Vinca il migliore!!!!

FINALISTI VIII CONCORSO LIRICO BENVENUTO FRANCI 2017

Prove del concerto con il Maestro Andreoli, presso il conservatorio San Carlo Borromeo dalle ore 11 per i primi 8 cantanti, dalle ore 12 per i restanti 7.
11Angelica MeleSopranoC. GounodRomeo et JulietteAh! Je veux vivre
17Yaqi ZhouSopranoG. PucciniTurandotSignore ascolta
10Sungjin LeeBaritonoV. BelliniI PuritaniAh! Per sempre…
28Noemi MuschettiSopranoG. PucciniLa BohèmeQuando m’en vo
30Federica SerpenteSopranoA. BoitoMefistofeleL’altra notte in fondo al mare
65Fujii Shimizu AsamiMezzosopranoG. RossiniLa CenerentolaNacqui all’affanno
58 Ivana CanovicSopranoA.  DvorakRusalkaRusalka’s song to the moon
72 Choi ByungjunTenoreG. PucciniLa BohèmeChe gelida manina
5Mariia BabiluaSopranoG. PucciniLa BohèmeSì, mi chiamano Mimì
8Floriana CicìoSopranoG. DonizettiDon PasqualeSo anch’io la virtù magica
21Mariam PirtskhalaishviliSopranoC.W. GluckAlcesteDivinités du Styx
45Moon BooheeSopranoG. PucciniMadama ButterflyUn bel dì vedremo
36Rossana GiardulloMezzosopranoA. VivaldiGriseldaAgitata da due venti
1Irena AlhazovSopranoG. BizetCarmenJe dis que rien
64Julia MuzychenkoSopranoG. VerdiLa TraviataE’  stano! E’ strano!

OPERA PIENZA: la Città sedotta dal bel canto di 80 giovani artisti, selezionati 15 cantanti provenienti da tutto il mondo, saranno loro a disputarsi i Premi del Concorso e ad essere protagonisti la prossima estate dell'Opera 'Il Sequestro' libretto di Cristina Pavarotti. Appuntamento in San Francesco stasera alle 21.


Tribunali vaticani: neppure i cardinali sono più quelli di una volta. Almeno i Borgia erano mecenati.....di grandi artisti. Non tutti sono come Bertone...ma..lui assomiglia molto ai nostri politici peggiori..

Vaticano, Tarcisio Bertone vivrà nel suo super attico. Qualunque sarà la sentenza finale

Vaticano, Tarcisio Bertone vivrà nel suo super attico. Qualunque sarà la sentenza finale

venerdì 13 ottobre 2017

Riceviamo e pubblichiamo volentieri

 

Allegati11:22 (11 ore fa)
ufficiostampavaldichiananuovecronacheinforedazionepostasienanewsnewscentritaliacronaca.sienaredazionepressstamparedazionevaltubobloginfoinfotgidearedazioneredazioneradioredazioneredazioneredazioneredazionedavbus72
Gentili Redazioni,

in allegato e di seguito il comunicato stampa come da oggetto del MoVimento 5 Stelle di Montepulciano.

p.s. si prega vivamente di non modificare l’articolo originale.

Distinti saluti,

Mauro Bianchi e Michele Abram
(MoVimento 5 Stelle di Montepulciano)


Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire


E già, proprio così. Molto spesso un detto racchiude in sé una saggezza ed una sagacia sopraffine.
Prima di tutto, vogliamo ribadire che il MoVimento 5 Stelle è stato l’unico componente politico del Consiglio Comunale che a Montepulciano ha votato contro il progetto di fusione.  Il motivo è presto detto: un processo di fusione, secondo noi, deve partire dal basso. Deve essere la conseguenza di un confronto che coinvolga tutti i cittadini nelle piazze, nei tavoli di lavoro con associazioni di categoria, con gli imprenditori, con i sindacati. Solo la convinzione dei cittadini che la fusione sia la strada giusta da percorrere può tradursi in una presa d’atto politica che avvii un processo di fusione. Ecco, così non è andata. Abbiamo assistito invece al processo inverso: all’interno delle stanze del potere, il partito di maggioranza ha deciso autonomamente che si dovesse avviare un processo di fusione.
Si è parlato e si parla tanto di partecipazione dei cittadini, ma non solo l’iniziativa non è partita da loro, come riteniamo corretto, ma dall’inizio del processo ancora non sono stati dati loro gli strumenti conoscitivi per formarsi un’opinione e poi esprimere un giudizio. Fino ad ora l’amministrazione si è limitata a fare periodicamente degli incontri come spot al SI fusione.
Malgrado tutto ciò, abbiamo accettato di partecipare alla Commissione Speciale sulla Fusione; se ai più superficiali questa scelta può sembrare contraddittoria, in realtà era l’unico modo per svolgere il compito proprio dell’opposizione che è quello di controllo e proposta.  Ed infatti, fin da subito, abbiamo contestato la conduzione della Commissione per il mancato rispetto delle più elementari regole democratiche: redazione di verbali pressoché inesistente, presenza nelle convocazioni di membri che si erano dichiarati fuoriusciti durante il Consiglio Comunale, ripetuti ritardi e continui rinvii, con conseguente difficoltà a calendarizzare qualsivoglia lavoro.
Siamo comunque andati avanti ed abbiamo contribuito alla correzione di molti atti, ultimo dei quali quello che volevano far passare come lo “Studio di Fattibilità”. Quest’ultimo era stato da noi sollecitato perché i cittadini avessero elementi tecnici concreti su cui poter ragionare. Le amministrazioni hanno scelto di affidarne la redazione ad Anci Toscana, al costo di 5000 euro. Dall’analisi del documento redatto da ANCI è emerso subito che esso non conteneva affatto le informazioni e le analisi che avrebbe dovuto, pertanto abbiamo proposto di approvarlo come mero atto preliminare, insomma una bozza da svilupparsi molto approfonditamente al più presto, informando Anci Toscana che un documento così fatto era del tutto privo di contenuti e che quindi non poteva neppure essere preso in considerazione. Abbiamo richiesto di sollecitare ANCI affinché presenziasse alle successive riunioni della Commissione Speciale e abbiamo chiesto la convocazione della stessa con cadenza quindicinale in modo da affrontare seriamente i lavori. Ma perché abbiamo dato tanta attenzione a questo Studio di Fattibilità? Semplice. Il nocciolo di tutto questo progetto di Fusione, a questo punto, sta proprio nella stesura di questo documento. E’ proprio grazie alle informazioni ed ai numeri che saranno scritti in questo studio che si potranno decidere in modo consapevole le sorti delle nostre due COMUNITA’. E’ per questo che abbiamo lavorato in modo energico, chiedendo dati, bilanci, economie e quant’altro fosse utile a far emergere un quadro conoscitivo completo che mettesse tutti i cittadini in condizione di capire i vantaggi e gli svantaggi di una fusione, che permettesse di quantificare le economie e le diseconomie e gli eventuali incentivi. Infine, non per ordine di importanza, abbiamo chiesto all’amministrazione di dire ai cittadini quale fossero i loro progetti di investimento degli eventuali avanzi di cassa.
Il sordo però è sceso in campo!
AD OGGI, NIENTE DI QUANTO ABBIAMO CHIESTO E’ STATO FATTO!!!!
Non solo. Siamo venuti a conoscenza che questa mattina, presso il mercato di Montepulciano, membri della maggioranza si prodigavano al volantinaggio di depliants istituzionali a firma Anci Toscana, dei Sindaci di Montepulciano e di Torrita di Siena e di Eubios (società incaricata dalla Regione Toscana), con lo scopo dichiarato di comunicare alla cittadinanza, in modo obiettivo, gli elementi del processo di fusione. In realtà, questi volantini, lungi dall’essere imparziali come ci si aspetterebbe dagli Enti Pubblici, raccontano ai cittadini una serie di mezze verità.
Anci, che dovrebbe essere un organo tecnico ausiliario, super partes, nel volantino parla degli ipotetici vantaggi della fusione propinandoli come certi, ma non nomina nemmeno uno dei possibili svantaggi. Inoltre parla di fusione e unione senza evidenziare che sono processi aggregativi diametralmente opposti.
Nel volantino si parla molto di coinvolgimento dei cittadini, di partecipazione; le amministrazioni si auto-incensano per aver organizzato un programma di incontri in cui saranno mostrati i vantaggi della fusione (solo vantaggi?) e nei quali i cittadini potranno esprimere la propria opinione. Vogliamo svelare all’amministrazione un segreto: i cittadini potranno pronunciarsi solo dopo che qualcuno avrà messo loro disposizione dei dati su cui ragionare, possibilmente completi ed imparziali. E quali sono questi dati?  Quelli che dovrebbero essere scritti nel famoso studio di fattibilità, che ad oggi ancora non c’è. Speriamo che quando sarà pronto, se mai lo sarà, non sia troppo tardi per poterne parlare. Nel frattempo, negli incontri, l’amministrazione si limiterà ad illustrare i presunti vantaggi della fusione. Questa sì che è una corretta e imparziale informazione. Complimenti!
Siamo veramente stanchi di persone che predicano bene ma poi sono sordi a qualsiasi richiesta di VERO coinvolgimento e trasparenza. Cominciamo a pensare che questo progetto di fusione debba essere portato avanti per interessi che non sono quelli dei cittadini e pertanto non si voglia indagare troppo sulla sua convenienza.
Noi comunque saremo sempre presenti e vigili, come si addice ad una forza di opposizione responsabile, poiché questo processo di fusione ha l’obiettivo di modificare irreversibilmente l’assetto istituzionale di due comunità e delle loro identità e, questo, deve essere chiaro ai cittadini: una volta fusi non si può tornare indietro

La RAI a Pienza sul Concorso Lirico , intervista al Presidente Adua Veroni Pavarotti


RAI 1 il Concorso lirico questa mattina alle 10 visto in tutta Italia. Pienza in prima pagina!! E ancora domani sera!!


'VIA COL VENTO' Prima visione a Montecitorio


Nasce il 'Fascistellum': Renzi, Salvini e Berlusconi il nuovo 'partito' italiano del Regime. uniti per fregare gli italiani, una farsa che è destinata a finire come il 4 novembre. La prepotenza e l'arroganza alla fine saranno travolte dagli elettori. I partiti al minimo storico in Italia sono alla disperazione non resta loro che il colpo di palazzo contro la democrazia.

IL NUOVO CHE AVANZA

PIENZA.CONCORSO LIRICO> Ieri la audizioni della prima fase del concorso. Performances spettacolari e altissimo livello dei giovani talenti.. Oggi le semifinali fra commozione e addii della -meglio giovent\- della lirica. Difficile scelta dei giudici. Sabato sera la finalissima in San Francesco.


PIENZA. Raccolta porta a porta, uno sforzo collettivo per arrivare al 70% obiettivo vicino. Soprattutto per spendere di meno e praticare una scelta di civiltà a cui molti cittadini sono pervenuti da tempo. Un Comune Unesco merita percentuali eyropee, cui ormai siamo vicini. Lo sforzo del Comune è già in buona parte premiato.

Nella foto Manolo Garosi consigliere delegato alla'Ambiente del Comune di Pienza che segue la raccolta differenziata 


lunedì 9 ottobre 2017

OGGI lo Storico dell'Arte Tommaso Montanari a Pienza per girare un documentario sui tesori della Città .


A cura del 'Comitato Pientini per l'Ordine e la Legalità' Facciamoci quattro risate...!!!


Salvato dal PD : fra partiti...grande solidarietà


Il monumento all'incapacità amministrativa della Regione Toscana e del Governo di fronte alla Valdorcia UNESCO. Ma tutti fanno finta di niente.


RICERCHE INUTILI: i 'soliti ignoti' minacciano sfracelli a Pienza, dopo la polemica sulle cucine della Casa del Popolo, ma le 'vendette' annunciate cadono nel vuoto. Pienza è Comune virtuoso. Già tempo fa una ricerca del Catasto sugli abusi dei vari Comuni pubblicò una statistica in cui nel nostro Comune gli abusi edilizi erano pressochè inesistenti. Dunque i 'vendicatori' oggi sono alla ricerca ( a parte il loro) di abusi che semplicemente non ci sono.


PIENZA. Inizia la settimana del Concorso Lirico di Opera Pienza. Artisti in arrivo da tutto il mondo, la Città di PIo II capitale della lirica dei giovani talenti. Gran finale nel fine settimana. La giusta immagine internazionale della nostra Città.


VIII Concorso Internazionale per giovani Cantanti Lirici “BENVENUTO FRANCI”
12 – 13 – 14 Ottobre 2017

GIURIA

Adua Veroni – Presidente
Cristina Pavarotti
Pippo Baudo
Rolando Panerai – Baritono
Francesca Franci – Mezzosoprano
Francesca Barbieri – Consulente Musicale
Umberto Finazzi – Docente dell’Accademia del Teatro alla Scala
Marc Clèmeur – Directeur Général de l’OnR Opera National du Rhin Strasburgo
Thomas Hermann – Casting-Manager Stiftung Staatstheater Nürnberg
Markus Laska – Agente Lirico Melos Opera

I PREMI

9.000 euro in denaro più audizioni, concerti e importanti opportunità

  • 1° classificato:
    Premio «Città di Pienza», borsa di studio € 2.500,00
  • 2° classificato:
    Premio «Città di Pienza», borsa di studio € 2.000,00
    offerto da «Conservatorio San Carlo Borromeo»
  • 3° classificato:
    Premio «Città di Pienza», borsa di studio € 1.000,00
    Offerto da «Rotary» Club di Chianciano-Chiusi-Montepulciano
  • Premio speciale «Città di Pienza» per la voce di Baritono, borsa di studio € 500,00
  • Premio della Critica offerto da «Banca CRAS»
  • Premio speciale «Giovani Talenti»: Borsa di Studio Adua Veroni Pavarotti (nati dopo il 1 gennaio 1992)
  • Premio speciale «Pasquale Forte»: Borsa di Studio Podere Forte 
a) Premio «Opéra National du Rhin Strasbourg» audizione per due cantanti presso l’ Opéra National du Rhin Strasbourg
b) Premio «Staatstheater Nürnberg» audizione per due cantanti presso lo Staatstheater Nürnberg stagione 2018
c) Premio «Melos Opera» a discrezione di Markus Laska saranno prese in considerazione una rappresentanza per l’agenzia di management che collabora con Opera Pienza per la promozione dei giovani cantanti lirici nell'”avviamento alla carriera”e un’audizione per Christoph Seuferle / Deutsche Oper Berlin
d) Premio Comune di «Lucignano»
e) Premio Comune di «Radicofani»
f) Premio Comune di «Trequanda»g) Premio Borsa di Studio offerta dall’Accademia degli Oscuri di Torrita di Siena 
Durante il Concorso verranno selezionati i ruoli per
Accademia Opera Pienza 2018
MasterClass e messa in scena dell’Opera
IL SEQUESTRO
Rimirando le mille e una notte
Libretto
Cristina Pavarotti • Alberto García Demestres
Musica
Alberto García Demestres

Opera Pienza

Opera Pienza è il progetto del Comune di Pienza che si propone l’ambizioso traguardo di divenire «Trampolino di lancio per la promozione di Giovani Talenti Lirici» e si avvale dell’insostituibile sostegno della Signora Adua Veroni Pavarotti. Nel 2017, tra gli eventi organizzati da Opera Pienza, il Concorso Internazionale per Cantanti Lirici Benvenuto Franci, selezione dedicata al grande baritono pientino, giunge alla sua VIII edizione e ospiterà una Giuria formata da personalità di altissimo livello del mondo della lirica presieduta dalla Signora Adua Veroni Pavarotti.
Come per le passate edizioni (oltre 800 i cantanti arrivati a Pienza da Cina, Russia, Uzbekistan, Lituania, Corea del Sud, Giappone, USA, Canada, Argentina, Grecia, Romania, Germania, Francia, Inghilterra …), si auspica la partecipazione di numerosi cantanti provenienti da tutto il mondo.
La Città di Pienza sarà palcoscenico internazionale nei giorni 12-13-14 ottobre p.v.. Il progetto si avvale di importanti e autorevoli Patrocini e collaborazioni: tra questi, il Patrocinio del Mibact, Opéra National du Rhin Strasbourg, lo Stiftung Staatstheater Nurnberg, del Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, l’agenzia «Atelier Musicale», Moira Johnson Consulting di Ottawa, la Regione Toscana, la Provincia di Siena, il Rotary Distretto 2070 Montepulciano-Chiusi-Chianciano, l’Azienda Usl di Cesena, l’Associazione Amici per la Pelle di Milano, il Comune di Radicofani (Si), il Comune di Trequanda (Si), il Comune di Lucignano (Ar), il Liceo Musicale Francesco Petrarca di Arezzo, l’Accademia degli Oscuri, è inoltre gemellato con il Concorso Maria Caniglia di Sulmona (Aq) ed il Concorso Anselmo Colzani di Budrio (Bo).
La Città di Pienza nel 1996 viene iscritta dall’Unesco nella Lista del Patrimonio mondiale dove, per farne parte ha dovuto presentarsi quale eccezionale valore universale e soddisfare almeno uno dei dieci criteri di selezione. L’Unesco la colloca per i tre noti criteri culturali: rappresentare un capolavoro del genio creativo umano, mostrare un importante interscambio di valori umani sugli sviluppi nell’architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione e nel disegno del paesaggio e, infine, per costituire un esempio di tipologia edilizia che illustri una o più importanti fasi nella storia umana.
La Città di Pienza, con la volontà di promuovere i giovani talenti della lirica, organizzerà inoltre, per l’anno 2017, il laboratorio finalizzato alla produzione di un’Opera, l’Evento Estivo «Accademia Opera Pienza», che metterà in scena un titolo d’opera dove i protagonisti saranno i vincitori delle precedenti edizione del Concorso, in collaborazione con la Grande Orchestra del Liceo Musicale Francesco Petrarca di Arezzo.
Opera Pienza guarda anche alla dimensione sociale e alle problematiche della salute. Fin dalla sua costituzione, infatti, è fortemente impegnata nella campagna di prevenzione del melanoma. Per questo ha attivato collaborazioni con l’Associazione «Amici x la pelle» che ha sede all’interno dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano (dott. Mario Santinami), con l’Azienda Ospedaliera di Cesena (dott. Donato Calista), e, nel nostro territorio, con il dott. Stefano Menchetti (Montepulciano Stazione (Si)). Riteniamo che la visibilità del nostro progetto ci obblighi moralmente e per coscienza a promuovere una corretta informazione nel più ampio spettro possibile di destinatari.

sabato 7 ottobre 2017

MONTICCHIELLO- Teatro per tutti in laboratorio


A Empoli sala gremita nell'auditorium di S.Agostino, ricordato Primo Volpi che abitò ad Empoli per alcuni decenni, presenti anche Bitossi e Poggiali grandi campioni empolesi del ciclismo italiano.



PROFETI  IN BICICLETTA

Nella storia del ciclismo italiano sono state frequenti le fortunate contaminazioni fra  sport e letteratura. Il ciclismo ha spesso affascinato gli scrittori e i poeti, poiché  a differenza di altri sport che si svolgono in luoghi circoscritti, quello della bici è attività che vede sempre l’uomo  solo in mezzo alla natura, in lotta con la montagna, il caldo, il gelo, il  sole, il vento,  talvolta la neve. Il ciclismo è di per sé sport eroico, dove ogni corridore  deve  imparare a fare i conti prima di tutto con se stesso,  per cercare dentro le risorse fisiche e morali necessarie  a resistere alle avversità; solo in un secondo momento per provare a vincere. Due sono dunque le vittorie possibili per un ciclista; quella con se stesso e quella con gli altri corridori.Gli scrittori ed i poeti  sono sempre stati affascinati da questo duplice aspetto ed hanno venerato nel ciclista l’eroe omerico  o romantico in lotta contro gli dei e la natura nemica. Atleta teso nello sforzo titanico di vincere la natura e la  montagna,  la sua nemica, prima di poter raggiungere i suoi obiettivi del lungo viaggio.

Primo Volpi, scalatore di montagne famose, ebbe la ventura di essere raccontato da grandi giornalisti e da uno scrittore neorealista come Vasco Pratolini, che al seguito del Giro fu colpito da questa figura di atleta giunto alla maturità, descritto spesso come antico guerriero  in lotta contro il Fato. Nel libro che alcuni  anni fa abbiamo scritto per raccontare questa storia, si trova il poemetto di un poeta senese già finalista al Premio Viareggio, prestigioso concorso annuale dei poeti italiani, un artista noto di nome Massimo Lippi, che ha perfettamente celebrato e cantato la figura di Primo Volpi  in chiave epica.

Trattando  di narrazioni sportive  occorre tenere conto di un fatto:   la 'Storia dello Sport 'è cosa bella e importante, ma ancora più importante  è lo ‘Sport che si fa storia’ e questo è successo tante volte nella storia italiana. Volpi è stato protagonista due volte in questo genere di esperienza.
La prima volta nel 1948, quando con  Bartali vincendo il  Tour de France, contribuì a pacificare gli animi di un’Italia sconvolta dall’attentato a Palmiro Togliatti. Tragedia che spinse il paese sull’orlo della guerra civile; Volpi  corse nonostante che fosse  ferito  dopo una caduta nella tappa decisiva per la vittoria di Gino Bartali.
 La seconda volta  quando vinse nel 1954 il primo Giro d’Europa ( il secondo e  ultimo Tour d'Europe  fu vinto da Roger Rivière, sfortunato campione francese morto dopo lunga malattia in seguito ad una caduta al Tour de France vinto da Gastone Nencini)
In questo caso Volpi  fu profeta dello sport e  non solo; attraversando in bici le nazioni europee, il Giro d'Europa vinto da lui anticipò quello che sarebbe successo ai tempi nostri; la nascita di una nuova realtà geopolitica, di una nuova moneta e l’affermazione nel mondo dello sport  e del ciclismo di un’idea di Unità Europea e di sport europeo che da allora in poi su sarebbe affermata. Oggi tutti i grandi Giri non si limitano più al territorio nazionale, ma prendendo spunto da allora, attraversano anche i territori delle nazioni europee vicine.

Infine un ultimo messaggio lanciato da Primo Volpi alla sua terra.  Nessuno sa meglio dei ciclisti  veterani  che la storia della bicicletta ha fatto rima  da sempre con la parola povertà e con la parola riscatto, sociale e sportivo. In Valdorcia Primo Volpi, che proveniva da una famiglia di  mezzadri con numerosi fratelli, fu con le sue vittorie e il suo mito, profeta di un futuro migliore, di una rinascita economica e sociale della Valle, anticipando quello che sarebbe successo tanti anni dopo ; la nascita  della Valdorcia dell'  Unesco e del parco ciclistico oggi amato da ciclisti di tutto il mondo,  con le  sue strade  bianche, patrimonio storico  riconosciuto della valle e ben conservato.
(fp)




Veterani dello sport, la sezione empolese intitolata a Primo Volpi

Nell'occasione sarà presentato anche il libro dedicato al campione del ciclismo

Pubblicato il 
Ultimo aggiornamento: 




Ciclismo

Ciclismo


Empoli, 4 ottobre 2017 - Si terrà sabato 7 ottobre, alle 16, al Cenacolo degli Agostiniani, in via dei Neri a Empoli, la cerimonia di intitolazione a "Primo Volpi" della sezione empolese dell'Unione Nazionale Veterani dello Sport, presieduta da Leonardo Mazzantini. Nell'occasione sarà anche presentato il libro "Primo Volpi - Una leggenda nata in Val d'Orcia"(Editore Donchisciotte), dedicato a questo grande campione del ciclismo. La relazione sarà a cura di Fabio Pellegrini che è anche uno degli autori.
Durante la serata ci sarà modo di parlare del ciclismo eroico degli anni '30, '40 e '50 insieme a Paolo Bruschi, e inoltre dello sport empolese insieme al giornaliste ed editore Carlo Fontanelli.
Sarà presente anche il Presidente della Unvsregionale Paolo Allegretti. La serata sarà coordinata dalla giornalista Irene Puccioni.
Nella sala degli Agostiniani sarà anche allestito un piccolo spazio con i cimeli del grande ciclista gentilmente concessi dai figli Gianni e Maria Luisa Volpi: una bicicletta, una maglia e altri pezzi unici.
L'evento è aperto a tutta la cittadinanza