lunedì 22 maggio 2017

Giudicate voi ......ecco la classe dirigente 'pulita'....

Calabria, candidato renziano: “Dammi una mano”. E il ras del Cara indagato per ‘ndrangheta “convoca i suoi” alle primarie Pd

Calabria, candidato renziano: “Dammi una mano”. E il ras del Cara indagato per ‘ndrangheta “convoca i suoi” alle primarie Pd
'NDRANGHETA
Le telefonate del 2014 tra Leonardo Sacco, capo della Misericordia di Isola Capo Rizzuto arrestato la scorsa settimana nell'inchiesta Jonny, e Gianluca Callipo, candidato renziano alla Regione. Le preoccupazioni del primo dopo la sconfitta contro Oliverio - "Questi sono vendicativi" - e le rassicurazioni del secondo: "Organizziamo un incontro ad hoc, con Luca, con lui direttamente... con Guerini

Bagni con pagamento automatico, ora sempre puliti e profumati. Ma il 'Pisciator cortese si fa le spese' : trenta in fila, uno mette 50 centesimi, apre un bagno , lo tiene accostato con un piede, tutti entrano a turno senza pagare...


CORRIERE DI SIENA, Provincia ( e Regione) la solita, immancabile figura di merda..Un sabato rovente, ciclisti inferociti e bloccati, macchine d'epoca che scorazzano, automobilisti fermati, liti ai bivi. Fa flop il governo del territorio...ormai in mano a Nessuno!!!


domenica 21 maggio 2017

Benigni non fa più ridere, ormai un omino triste. Sostenere Renzi ha fatto male pure a lui...Ora ha querelato 'Report' . Quando 'Report' fu querelato da Berlusconi Benigni firmò un documento di solidarietà intitolato : 'Nessuno fermi Report..' Ora lo vuole fermare proprio lui...' Chi va con Renzi....muore..


Centro storico: ancora schiamazzi molesti e musica a tutto volume, cittadini tempestano di telefonate la forza pubblica. Pienza in certe serate notturne disturbata dalla solita banda di ubriachi. Domire è un diritto.


Nuovo ospite del Duomo di Pienza, ce lo ha mandato Giovanni Pascoli che amava Pienza... : il Chiù ( Assiuolo) .Da due giorni vola sotto le volte e se ne sta lì.

L'assiuolo



Dov’era la luna? ché il cielo
notava in un’alba di perla,
ed ergersi il mandorlo e il melo
parevano a meglio vederla.
Venivano soffi di lampi
da un nero di nubi laggiů;
veniva una voce dai campi: 
chiů...

Le stelle lucevano rare
tra mezzo alla nebbia di latte:
sentivo il cullare del mare,
sentivo un fru fru tra le fratte;
sentivo nel cuore un sussulto,
com’eco d’un grido che fu.
Sonava lontano il singulto: 
chiů...

Su tutte le lucide vette
tremava un sospiro di vento:
squassavano le cavallette
finissimi sistri d’argento
(tintinni a invisibili porte
che forse non s’aprono piů?...);
e c’era quel pianto di morte... 
chiů..


Giovanni Pascoli

Presentata al Museo ieri: la Cartolina del 1901 a colori stampata in occasione dell'apertura del museo diocesano e del Palazzo Pretorio (Collezione di Daniela Ciolfi)

Corriere di Siena: Festival della Letteratura con 'Caffeina'. L'Emporio letterario a Pienza.


Ieri al Museo di Palazzo Borgia: ricostruzione di momenti storici, aneddoti e documenti. Un pomeriggio vicini alla antica istituzione pientina, oggi ben gestita da uno Staff competente che ha riportato le presenze ad un numero elevato e le iniziative di qualità sempre più frequenti. Un momento positivo per i musei e le mostre pientine, molto apprezzate dal pubblico dei turisti ed una politica del Comune che è riconosciuta come una delle migliori della provincia per i risultati puntualmente raggiunti.


Renzi e la Boschi beccati sul Fatto ...con le intercettazioni ora sono allo sbando: non trovano di meglio che abbaiare alla luna, parlando di Colpo di Stato contro il governo fantoccio di Renziloni. Come Berlusconi hanno la sindrome della persecuzione, ma l'unico nemico che li assedia è la corruzione dei loro amici e la pochezza della loro cultura di governo, orientata solo verso il magna magna quotidiano..


La Repubblica dei Rolex.....mai scesi i governi italiani così in basso!!!!

Simona Vicari si difende sul Corriere: “Ci sono ministri che hanno preso non uno, ma tre Rolex e sono ancora in carica”

Simona Vicari si difende sul Corriere: “Ci sono ministri che hanno preso non uno, ma tre Rolex e sono ancora in carica”
POLITICA
Gli argomenti dell'autodifesa dell'ex sottosegretario, all’indomani dall’esplosione dell’inchiesta che ha portato alle sue dimissioni. L'orologio? "Un regalo di Natale

sabato 20 maggio 2017

La Marcia ad Assisi per il reddito di povertà di cittadinanza. Renzi? Lui il reddito di cittadinanza preferisce darlo alle banche kraccate dal PD e dai suoi 'fenomeni' , le uniche realtà che sono state sempre a cuore a lui, alla Boschi e ai loro amati babbi!!!!!!!!!!!

Marcia reddito cittadinanza M5s, Grillo: “I soldi per farlo ci sono”. Renzi: “Devasta l’articolo 1 della Costituzione”


 1/13  >


POLITICA


Il cofondatore del Movimento parla di 50mila partecipanti, più di quelli di due anni fa, "probabilmente" perché è "aumentata la povertà". E aggiunge: "Ci vuole la volontà politica di non lasciare indietro 10 milioni di persone". L'ex premier attacca a distanza: "No ad assistenzialismo. E' una misura che funziona solo in Alaska

Pienza-Oggi: Museo di Palazzo Borgia, ore 17, Storie e aneddoti narrati sull'antico museo diocesano pientino.


Amministrazione Provinciale in stato confusionale : bloccate nella zona delle Checche gare ciclistiche e podistiche perchè disturbano la cova degli uccelli...ma oggi passa di lì anche la manifestazione delle Mille Miglia. e forse fa più rumore della Primo Volpi..Urge il ricovero per qualcuno...Urgente!!!


TACI IL NEMICO ASCOLTA: non parlare della Boschi e del babbo nè di Renzi e del babbo, nè del ministro Lotti-Consip. La Repubblica delle Banane in armi contro la stampa nemica...


CENSURA DEL REGIME RENZISTA. Berlinguer denunciava il degrado della politica, Renzi vuole imbavagliare chi ne parla e chi vuole pubblicare i documenti della corruzione ( del PD)


venerdì 19 maggio 2017

BUONCONVENTO. Ora abbiamo capito perchè i poveri americani hanno preferito Trump il miliardario dopo Obama il 'povero'. Un ex presidente che paga a Finocchieto 16.000 euro a notte , come 'democratico' non li ha molto rassicurati circa il proprio 'disinteresse'. Anche in America evidentemente si diventa ricchi con la 'politica' a destra come a 'sinistra'....


ULTIMORA .Presidente PD Sicilia Crocetta sotto accusa (vacanze a sbafo) Governo Renziloni nella bufera giudiziaria: indagata per corruzione la sottosegretaria Vicari. Si sarebbe fatta dare un ROLEX...

Ora che Renzi è finito con le intercettazioni nel mirino del Fatto il PD chiede una legge che vieta la pubblicazione delle intercettazioni!!!! Che dritti..quando intercettavano Berlusconi con le sue girls, andava tutto benone...facevano comodo!!!

LA CASINA DELL'ACQUA , il COMUNE DI PIENZA VI INVITA TUTTI

L’Amministrazione Comunale di Pienza in collaborazione con Acquarete Srl - Torino (la società concessionaria) VI INVITA Martedi’ 23 Maggio 2017 alle ore 14.30 all' INAUGURAZIONE della CASINA DELL'ACQUA - FONTANA TVB in Via degli Archi a Pienza. Tutte le associazioni, le scuole e i cittadini sono invitati a partecipare per vedere il funzionamento e la localizzazione dell'opera.Perché la Fontana TVB -Ti Voglio BereL’acqua potabile è un bene prezioso, un patrimonio naturale da mantenere intatto per le nuove generazioni. Tuttavia non sempre questo bene viene utilizzato razionalmente e spesso si assiste ad uno sfruttamento indiscriminato e allo spreco quotidiano da parte dell'utente. Una cattiva gestione delle risorse idriche del pianeta compromette gli equilibri ecologici e la qualità della vita di tutti. Fondamentale diventa allora il valore del gesto quotidiano di risparmio, del piccolo accorgimento che tutti possono mettere in atto, per diffondere una nuova cultura dell’acqua, basata sul suo rispetto e sull’utilizzo responsabile e solidale. La scarsità dell’acqua sta diventando un problema sempre più grave e rende necessario sviluppare una nuova coscienza nel suo utilizzo, correggendo abituali comportamenti che ne causano lo spreco. L’acqua è un elemento indispensabile per la nostra sopravvivenza e tutti noi siamo chiamati in causa per la sua difesa. ACQUA DEL RUBINETTO VERSUS ACQUA IMBOTTIGLIATA La Fontana T.V.B. Ti voglio bere mira a creare la consapevolezza che una scelta apparentemente semplice come il bere l’acqua della rete idrica può avere grandi ripercussioni, soprattutto da un punto di vista ambientale. L'Italia è terza al mondo, e prima in Europa, per consumo pro capite di acqua confezionata: ogni anno si bevono più di 7 miliardi di bottiglie. Circa l’85% delle famiglie italiane acquista acqua imbottigliata, spinto dalle suggestioni di abili pubblicità che le attribuiscono proprietà quasi miracolose, e dai pregiudizi che nutre nei confronti dell’acqua del rubinetto. Eppure: i controlli sull’acqua dell’acquedotto sono molto più restrittivi rispetto a quelli effettuati su quella imbottigliata. A questo si aggiunga che una bottiglia d’acqua costa anche 1.000 volte più dell'acqua del rubinetto, inquina (a causa del trasporto) e contiene acqua spesso meno pura di quella dell'acquedotto. Al tempo stesso bere l’acqua dalla Fontana TVB vuol dire ridurre in partenza la produzione di rifiuti: l’acqua imbottigliata viene distribuita prevalentemente in contenitori di plastica monouso la cui produzione e trasporto comportano uno spreco di risorse e l’emissione di agenti inquinanti, dovuto anche al fatto che, a volte, percorre centinaia di chilometri prima di arrivare sulle nostre tavole. L’immissione al consumo degli imballaggi (così come il loro recupero) implica perciò un utilizzo energetico e la relativa emissione di CO2, a cui va aggiunto un notevole investimento economico. Dunque bere l’acqua della Fontana TVB è anche una “buona pratica” concreta come risposta al problema dello smaltimento dei rifiuti. Questa operazione di valorizzazione dell’acqua dell’acquedotto può portare perciò a ridurre l’impatto ambientale dell’uso degli imballaggi in plastica (politica dei rifiuti) e garantisce un ritorno economico anche per le Amministrazioni (riduzione all’origine dei rifiuti) e per le famiglie. Mediamente infatti si calcola che rinunciando alle confezioni in bottiglia una famiglia può risparmiare oltre 260 euro all'anno. Ogni 10.000 litri erogati dalla Fontana TVB significano:  6666 bottiglie in PET da 1,5 litri non prodotte  266 kg di plastica non finita tra i rifiuti che i cittadini pagano per essere smaltita  532 kg di CO2 non emessi in atmosfera.  € 600,00 ca. risparmiate dagli utenti  La Acquarete srl di Torino nasce dall’esperienza, maturata in venti anni, nel settore ambientale con particolare riferimento alla valorizzazione delle risorse idriche locali. Il progetto coinvolge privati cittadini, attraverso un processo di “finanza solidale”, sensibili alle problematiche ambientali. L’obiettivo principale di Acquarete è quello di sviluppare progetti in campo ambientale per la sostenibilità del territorio, la promozione di una nuova coscienza critica nel consumatore e l’utilizzo di tecnologie appropriate per realizzarla. La tutela delle risorse idriche e la loro valorizzazione, la gestione ottimale dei rifiuti e dell’energia sono i primi passi del progetto che vede poi anche altre iniziative legate al campo ambientale. Acquarete ha dunque predisposto una serie di progetti rivolti alle Pubbliche Amministrazioni per sostenerle nella valorizzazione ambientale sul proprio territorio e per educare le attuali e future generazioni alla sostenibilità ambientale. In primis l’installazione e gestione di una “Casa dell’acqua” (Fontana TVB-Ti Voglio Bere) che permetta alle famiglie di usare l’acqua della rete pubblica valorizzando anche il lavoro dei gestori del Sistema Idrico, riducendo i rifiuti da smaltire ed evitando l’immissione di anidride carbonica in atmosfera. Acquarete lavora a livello nazionale con strutture già installate ed operative su tutto il territorio con riscontri positivi sia per la partecipazione dei cittadini all’iniziativa e dei risparmi ambientali conseguiti. Acquarete collabora con l’Associazione dei paesi bandiera arancione per promuovere il progetto in tutta Italia. CHE COS’È LA FONTANA TVB TVB è una fontana pubblica di acqua della rete, che garantisce un servizio di qualità rispettoso di precisi criteri tecnologici, normativi, etici e ambientali. Eroga acqua fusa, trattata e refrigerata, naturale / gasata / lievemente gasata tarata a 1l e 1,5l per poter usare vari tipi di contenitore Il sistema di trattamento utilizzato, conforme alle Normative Ministeriali vigenti, elimina cloro e eventuali cloroderivati, rendendo l’acqua ottima anche da un punto di vista organolettico (risulta più buona e più digeribile). Acquarete si è dotata ed applica il Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare UNI EN ISO 22000/2005 integrato col Sistema di Qualità UNI EN ISO 9001/2008 LA FONTANA TVB AMICA DELL’AMBIENTE Il servizio favorisce il consumo di acqua sfusa della rete, limitando l’acquisto di acqua imbottigliata, con la conseguente riduzione di rifiuti in plastica alla fonte e di CO2. Viene erogata oltre all’acqua naturale e gasata anche acqua lievemente gasata per evitare sprechi di anidride carbonica. L’acqua è sempre trattata, per offrire un servizio differente da quello offerto dalle fontane pubbliche e dal rubinetto di casa. Viene realizzata la comunicazione per promuovere un consumo consapevole della risorsa idrica, sensibilizzando i cittadini sui benefici ambientali legati alla scelta dell’acqua alla spina, accrescendone la consapevolezza e rendendo gli stili di vita ambientalmente più sostenibili. È prevista la raccolta e diffusione di dati di consumo e dei risultati ambientali ottenuti nell’ambito dell’iniziativa, con la conseguente riduzione dei rifiuti plastici e della CO2 non emessa (bottiglie risparmiate). ACCESSORI PER CASETTA DELL’ACQUA COMODI, LEGGERI, EQUOSOLIDALI E A BASSO IMPATTO AMBIENTALE Bottiglia da 1 litro realizzata in TRITAN (tipo policarbonato) che non rilascia materiali nell’acqua contenuta anche ad alta temperatura -è lavabile anche in lavastoviglie -è estremamente leggero, peso 75gr -non è deformabile -è riciclabile Borsa portabottiglie in juta , realizzata dalla più grande manifattura etica: - approvata dal Mercato Equo e solidale, - insignita dal Marchio Fairtrade - 100% a emissione zero Le borse sono prodotte nell’India del Sud, coinvolgendo per il 90% donne provenienti un ambiente svantaggiato. Adotta la fontana TVB Progetto per la valorizzazione dell’acqua del rubinetto dedicato agli alunni e agli insegnanti delle scuole elementari. L’acqua potabile è un bene prezioso, un patrimonio naturale da mantenere integro per le nuove generazioni. Una cattiva gestione delle risorse idriche del pianeta compromette gli equilibri ecologici e la qualità della vita di tutti. È essenziale il valore del gesto quotidiano di risparmio idrico per diffondere una nuova cultura dell’acqua basata sul suo rispetto e sull’utilizzo consapevole. Il progetto mira a educare a un consumo responsabile dell’acqua, stimolando la presa di coscienza individuale e collettiva sulla necessità di modificare i comportamenti attraverso l’acquisizione del concetto di risorsa limitata. Risparmiare acqua è un doppio vantaggio sia per l’ambiente sia per il portafogli delle Amministrazioni e dei consumatori. Il progetto Adotta la Fontana TVB si sviluppa dalla consapevolezza che una scelta apparentemente semplice come il bere l’acqua della rete può avere grandi ripercussioni, soprattutto da un punto di vista ambientale.

La risposta al 'compagno' Spataro di 'Giubbe Rosse' che col suo intervento ha perso una bella occasione per stare zitto sulle mura di Monticchiello!!!


In risposta all'articolo uscito sul blog unitagiubberosse.wordprss.com a cura del dott. Pietro #Spataro, l'Amministrazione Comunale di Pienza, intende portare a conoscenza di tutti gli interessati l'ordine cronologico dei ripetuti e sinora vani tentativi di ottenere un finanziamento per il restauro e consolidamento del tratto di #mura di #Monticchiello che hanno ceduto al lato sinistro di Porta Sant'Agata.
Agli atti comunali sono presenti i seguenti documenti riferiti alle formali richieste di finanziamento da parte del Comune di Pienza:
- con nota Prot. della Regione Toscana n. A00.GRT.0324998/T.100 del 17 dicembre 2013 il Responsabile del Settore ”#Valorizzazione del #Patrimonio #Culturale”, Massimo Gregorini, comunica al Sindaco di Pienza, Fabrizio Fè, di aver valutato la richiesta di finanziamento per un intervento di tutela e valorizzazione delle facciate graffite e della cinta muraria di Monticchiello e di proporla alla Giunta regionale per inserimento nel progetto “Investire in cultura 2014”. Questa nota regionale segue incontro in Regione con l’assessore #Cristina #Scaletti e il dirigente Massimo Gregorini e ad una formale richiesta di finanziamento da parte dell’ Ufficio tecnico del Comune di Pienza.
- con nota prot. nostro n. 788 del 10 febbraio 2014 il Responsabile dell’ Area Tecnica del Comune di Pienza, Ing. Lidia D’Errico, trasmette nuova richiesta di finanziamento al Settore ”Valorizzazione del Patrimonio Culturale” della Regione Toscana relativamente al “Progetto di ricostruzione di un tratto delle mura storiche di Monticchiello”;
- con nota prot. n. 9332 del 19 ottobre 2016 la #Soprintendenza #Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Siena, Grosseto e Arezzo rilascia autorizzazione relativamente al “progetto di valorizzazione e restauro di un tratto delle mura storiche di Monticchiello”;
- con Delibera di Giunta comunale n. 164 del 20 ottobre 2016 viene approvato a livello esecutivo il “progetto di valorizzazione e restauro di un tratto delle mura storiche di Monticchiello”.
- con nota prot. nostro n. 8732 del 20 ottobre 2016 il Responsabile del Servizio associato Unione dei Comuni Valdichiana senese – Area Lavori Pubblici del Comune di Pienza, Ing. Claudia Frangiosa, trasmette nuova richiesta di finanziamento al Consiglio regionale della Regione Toscana per la valorizzazione delle mura storiche previsti dalla legge regionale 1 agosto 2016 n.46 “Città murate della Toscana”.
In aggiunta alle richieste sopra indicate esistono numerosi scambi di mail tra l’ Ufficio tecnico del Comune di Pienza e il Settore ”Valorizzazione del Patrimonio Culturale” della Regione Toscana cui fanno da corollario altrettanti incontri tenutisi sempre presso la sede della Regione Toscana sia per il settore tecnico che tra i rappresentanti politici.
Auspichiamo che l'iniziativa indicata in premessa sia capace di corroborare e sostenere le reiterate richieste finalizzate ad ottenere il ripristino del tratto di mura oltre alla realizzazione di un progetto più complessivo di valorizzazione di tutta la Cinta muraria, l'Amministrazione si dichiara disponibile ad ulteriori incontri e tentativi sia con la Regione che con gli altri enti preposti, ovviamente l'Amministrazione scrivente interverrà laddove si verifichino nuove e non corrette comunicazioni riferite alla gestione operativa del problema .

Conclusa la procedura ufficiale, Pienza ora è 'Città' perchè ne ha i requisiti. Prima della Piazza nessuna amministrazione se ne era mai occupata...

Il consigliere Manolo Garosi ci informa e ci invia copia della comunicazione ufficiale del Prefetto.
Pienza sede vescovile a partire dal tempo di Pio II è per questa ragione una vera 'Città' cosa che non tutti i paesi, anche se grandi ,possono avere.Il problema era che non risultava fra le città italiane poichè le precedenti amministrazioni non avevano provveduto a questo scopo. Non è solo una 'formalità'  per una Città Unesco.

Prodi non porta bene....'Basta un si' disse e tutto crollo!!!La 'Mortadella' è passata di moda, Prodi e Berlusconi? come Beppone e Don Camillo, appartengono all'era del quaternario e hanno solo portato l'Italia nelle condizioni in cui siamo, con la truffa dell 'euro e la distruzione dei diritti dei lavoratori...

M5s, Prodi: “Non sono pronti a governare. Se arrivano primi a elezioni sono un pericolo

Valerio Magrelli , all'Emporio Letterario di Pienza, una 'lectio magistralis' del grande poeta italiano. 'La poesia al tempo dei fake' ovvero 'che ne sarà della poesia in un mondo in cui l'identità si trasforma in nikname? A Pienza una grande occasione di conoscenza .


Crolla il castello di carta del Jobs Act la carta del lavoro fascistoide del renzismo...

Lavoro, nel primo trimestre -92% di nuovi contratti stabili rispetto allo stesso periodo del 2015 (con gli sgravi)

Lavoro, nel primo trimestre -92% di nuovi contratti stabili rispetto allo stesso periodo del 2015 (con gli sgravi)
LAVORO & PRECARI

Attivazioni e trasformazioni sono state 398.866, ma sottraendo le cessazioni restano 17.500 rapporti di lavoro aggiuntivi. Contro i 214.765 nuovi contratti "netti" attivati nel primo anno di decontribuzione totale voluta dal governo Renzi. Salgono poi del 14,4%, a oltre 18mila, i licenziamenti per giusta causa. A marzo +12% le domande di disoccupazione


Finiti gli sgravi contributivi, crollano i nuovi contratti a tempo indeterminatoLa tendenza, emersa già lo scorso anno, è conclamata nei dati dell’Osservatorio Inps sul precariato relativi ai primi tre mesi del 2017, anno in cui gli incentivi alle assunzioni voluti da Matteo Renzi si sono azzerati. Nel primo trimestre i nuovi contratti stabili, incluse le trasformazioni da apprendistato o da contratti a termine, sono stati 398.866, ma il saldo tra i nuovi posti e le cessazioni di contratti stabili è stato di 17.537 contro i 41.731 dello stesso periodo dello scorso anno, quando gli sgravi c’erano ancora pur se in forma ridotta, e i 214.765 nuovi contratti “netti” (612.158 attivazioni meno 397.393 cessazioni) attivati nel primo trimestre 2015. Un crollo del 91,8 per cento. Finiti gli incentivi, insomma, le imprese hanno invertito la rotta tornando ad orientarsi sui contratti a termine, esattamente come prima del Jobs Act e della legge di Stabilità per il 2016

giovedì 18 maggio 2017

Su Luca Lotti.... un silenzio assordante



E tre. Per la terza volta in tre giorni Matteo Renzi interviene su facebook per parlare dell’indagine Consip. Un post in cui spiega di volere la “verità” sull’inchiesta della procura di Roma, condito da una serie di attacchi frontali al Fatto Quotidiano e a Marco Lillo. Ma non solo. Perché per la terza volta di seguito Renzi evita con cura di parlare di quel “Luca”, citato dallo stesso segretario del Pd al telefono con il padre Tizian

E' uscita la guida all' Emporio letterario. La trovate al Caffè La Posta, all'Ufficio turistico, alla Libreria Centofiori. Oppure chiedere a Fabio.


Lo scandalo Consip da insabbiare, come ai tempi di Berlusconi...pd contro la magistratura...i partiti fanno muro...


Oggi sul Fatto Quotidiano il libro 'Di Padre in figlio' dove le telefonate di Renzi al Padre rivelano la verità sullo scandalo Consip e mettono in evidenza il ruolo di Luca Lotti. Nel PD si grida al 'complotto. ma il 're è nudo' e la verità non si può più nascondere...In PD un partito allo sbando....


mercoledì 17 maggio 2017

Il 'compagno' Spataro non sa per quante volte la Regione Toscana richiesta dal Comune di Pienza per l'intervento sulle mura di Monticchiello ha fatto finta di nulla e il 'compagno' Rossi se ne è sbattuto altamente della questione con gli altri assessori del PD !!!


Salviamo dal crollo le mura di Monticchiello


Crollano le mura di Monticchiello. Nel bellissimo borgo della Val d’Orcia tra Pienza e Bagno Vignoni – dal 2004 Patrimonio dell’Umanità –  la cinta muraria medievale ha ceduto vistosamente proprio accanto alla storica porta di ingresso, lungo il sentiero ad anello che circonda il paese e che si affaccia su uno dei panorami più belli della Toscana.
I primi crolli sono avvenuti nel 2012. Oggi, dopo cinque anni l’unica azione intrapresa (come si vede dalle foto) è stata, dopo le proteste degli abitanti, quella di transennare l’area con una rete metallica per motivi di sicurezza. Niente di più. Nessuno finora ha pensato di intervenire per sanare la ferita, nessuno ha mobilitato comitati ambientalisti per difendere uno dei borghi più affascinanti della zona, sede del prestigioso Teatro povero, nessuna amministrazione si è fatta carico del problema.
Eppure appena dieci anni fa, dopo la polemica sollevata da Alberto Asor Rosa sulla costruzione di alcune abitazioni nella zona nuova di Monticchiello (che il docente in un articolo ribattezzò “ecomostro”) fu posto un vincolo paesaggistico che rende difficile persino piantare un chiodo. Allora, Monticchiello finì nell’occhio del ciclone e fu luogo di pellegrinaggio di movimenti e comitati. Arrivarono ministri, sottosegretari, intellettuali a difesa dell’integrità del borgo.
Oggi quelle mura, allora così preziose da essere difese dall’impatto di case edificate a qualche centinaio di metri di distanza, sono lasciate nell’abbandono, con il pericolo che la falla si allarghi e vengano giù altri pezzi della cinta medievale.
Monticchiello corre un grave pericolo. Per questo faccio appello al ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, al presidente della Regione Enrico Rossi, ai parlamentari della Toscana, affinché si intervenga subito per tutelare un bene patrimonio dell’umanità e per impedire un danno che rischia di diventare irreparabile e che già oggi sfregia Monticchiello e la sua storica cinta muraria

CERCA LA DIFFERENZA: la deputata Pezzopane del PD indagata all' Aquila per finanziamenti illeciti resta nel partito. In Toscana consigliere regionale M 5 Stelle messo fuori dal movimento perchè non aveva dichiarato una regolare società commerciale a Malta.


BLOG rovente; ai pientini non piacciono i 'casinari' di fine settimana nel centro storico Unesco e chiedono di far cessare la baldoria notturna. Si può anche tirare tardi civilmente, senza gli schiamazzi, le urla i cori.Una cosa è certa : per i cittadini la 'movida ha da finire e chiedono l'intervento delle autorità. La legalità è la strada maestra da seguire. Consultati alcuni legali.


lunedì 15 maggio 2017

Aveva ragione Di Maio, le mafie dietro gli sbarchi, nuovi negrieri con la patente dell' 'Accoglienza' ?

Ndrangheta, smantellata la cosca Arena: 68 fermi a Crotone. Il clan controllava il Cara di Isola Capo Rizzuto

Ndrangheta, smantellata la cosca Arena: 68 fermi a Crotone. Il clan controllava il Cara di Isola Capo Rizzuto
MAFIE

Gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, porto e detenzione illegale di armi, intestazione fittizia di beni, malversazione ai danni dello Stato, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e altri reati di natura fiscale, tutti aggravati dalla modalità mafiose


Ci sono anche il capo della Misericordia Leonardo Sacco, che gestisce il Cara di Isola Capo Rizzuto, e il parroco don Edoardo Scordio tra i fermati dell’operazione “Jonny” che stamattina ha stroncato la cosca Arena. Sacco e Scordio sono accusati di associazione mafiosa, oltre a vari reati finanziari e di diversi casi di malversazione, reati aggravati dall’aver favorito la ‘ndrangheta.
Sono 68 in tutto le misure cautelari disposte dalla Direzione distrettuale antimafia ed eseguite dalla guardia di finanza, dai carabinieri e dalla polizia di stato. Nel provvedimento di fermo, firmato dal procuratore Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Luberto e dal sostituto Domenico Guarascio, sono finiti boss e gregari della potente famiglia mafiosa ma anche i responsabili del Centro di accoglienza più grande del Sud Italia